Indietro

Oświęcim e dintorni

Oświęcim e dintorni

La vecchia città sul fiume Soła, Oświęcim, è oggi una grande città, conosciuta prima di tutto per il campo nazista di concentramento e di sterminio costruito durante la seconda guerra mondiale. Oggi il campo di concentramento, come testimonianza e monumento nazionale è inserito nella lista dell’UNESCO con il nome „Auschwitz-Birkenau campo nazista di concentramento e di sterminio (1940–1945)”. In realtà si tratta di due campi: uno più vecchio e più piccolo, il campo di concentramento di Oświęcim (Auschwitz) e il secondo, più grande, il campo di sterminio vicino a Brzezinka (Birkenau). I criminali nazisti hanno ucciso qui circa 1,5 milioni di persone, principalmente Ebrei.
Al centro di Oświęcim si possono visitare il castello e la sinagoga ristrutturata. Inoltre vi sono due chiese gotiche e la piazza del mercato. I dintorni della città, in particolare la valle del fiume Vistola, nella direzione della città Zator, sono conosciuti da secoli per gli allevamenti artificiali delle carpe. Per questo motivo la zona è chiamata Valle della Carpa.  Possiamo qui oltre che osservare diverse specie di uccelli acquatici e di palude, praticare la pesca sportiva.
Sulla strada che porta da Cracovia a Oświęcim vale la pena di fermarsi a Wygiełzów. Qui si trova un grande museo etnografico a cielo aperto con  numerose case di legno, la chiesa e il maniero nobiliare  in legno di larice. Andando oltre, sul colle boschivo si ergono le rovine del castello di Lipowiec.
A soli 47 km da Oświęcim, tra le verdi colline e valli di Beskidy, a Kalwaria Zebrzydowska si erige una magnifica chiesa e monastero dei frati Bernardini. È uno tra i più frequentati centri di pellegrinaggio in Polonia. All'inizio del XVII secolo sono state costruite qui numerose chiesette e cappelle, collocate su un vasto spazio creando i sentieri del calvario in ricordo della Passione del Signore. Un paesaggio culturale di grande bellezza e importanza spirituale e i bellissimi edifici, hanno fatto si che il più antico Santuario in Polonia, quello di Kalwaria Zebrzydowska sia stato inserito nell'elenco dall’UNESCO. Un avvenimento di eccezionale importanza a Kalwaria Zebrzydowska è costituito dalla rappresentazione nella giornata di Venerdì Santo del Mistero della Passione del Signore. Inoltre si può visitare Lanckorona. Un’affascinante città della Galizia, famosa per la sua piazza del mercato in pendenza, circondata da  piccole case di legno.
Da Kalwaria Zebrzydowska, dove veniva a pregare Karol Wojtyła (anche come Papa Giovanni Paolo II), vale la pena andare a Wadowice  distante 15 km verso ovest, la  città natia del Papa polacco. Sulla piazza del mercato di Wadowice, domina la torre della basilica di Nostra Signora, la chiesa in stile tardo barocco costruita alla fine del XVIII secolo, dove Karol Wojtyła  è stato battezzato. Di fianco si trova la casa natia del futuro Papa Giovanni Paolo II (Karol Wojtyła) dove è stato realizzato un museo a lui dedicato. Dopo la visita al museo ci si può riposare nella pasticceria prediletta del papa assaggiando i suoi dolci preferiti kremówki papieskie. Da Wadowice a piedi si può andare a Beskid Mały, sulla cima Leskowiec e alla vicina cima Groń di Giovanni Paolo II.

Gioca Gioca